test
martedì, Giugno 18, 2024

Ucrain, l’allarme del Guardian: “La Russia vuole disconnettere la centrale nucleare di Zaporizhzhia, forte rischio di catastrofe ambientale

Secondo quanto riferito al Guardian, la Russia ha elaborato un piano dettagliato per disconnettere la più grande centrale nucleare d’Europa, quella di Zaporizhzhia, dalla rete elettrica ucraina, rischiando un guasto catastrofico dei suoi sistemi di raffreddamento. I leader mondiali hanno chiesto la smilitarizzazione del sito di Zaporizhzhia dopo che sono emersi filmati di veicoli dell’esercito russo all’interno dell’impianto e hanno precedentemente messo in guardia la Russia dalla disconnessione dalla rete ucraina per effettuare il collegamento a quella russa. Ma Petro Kotin, il capo della compagnia di energia atomica ucraina Energoatom, ha detto al Guardian in un’intervista che gli ingegneri russi hanno già elaborato un progetto: “Hanno presentato (il piano) ai (lavoratori) dello stabilimento e loro lo hanno presentato a noi. La precondizione per questo piano era il grave danneggiamento di tutte le linee che collegano la centrale nucleare di Zaporizhzhia al sistema ucraino”, ha affermato Kotin al Guardian. Il capo di Energoatom teme che l’esercito russo stia ora prendendo di mira quei collegamenti per trasformare in realtà lo scenario di emergenza e procedere al distacco. I collegamenti elettrici della centrale sono già in una situazione critica, con tre delle quattro linee principali che la collegano alla rete ucraina interrotte durante la guerra, e anche due delle tre linee di riserva che la collegano a una centrale elettrica convenzionale a rischio, ha affermato. Il piano russo di disconnetterla del tutto aumenterebbe il rischio di un guasto catastrofico lasciandola dipendente da un’unica fonte di elettricità per raffreddare i reattori. “Non puoi semplicemente passare da un sistema all’altro immediatamente, devi… spegnere tutto da un lato e poi iniziare a passare da un altro lato”, ha detto Kotin.”Durante questa disconnessione, l’impianto non sarà collegato ad alcuna alimentazione e questo è il motivo del pericolo”, ha affermato. “Se non fornisci il raffreddamento… per un’ora e mezza, allora ci sarà la fusione”. Kotin è anche preoccupato per il rischio di incendio dei veicoli stipati nelle sale delle turbine, che si trovano accanto ai due reattori ancora in funzione. Ci sono 14 camion in una sala, e almeno sei in un’altra, secondo quanto hanno riferito le fonti dello stabilimento. “Nel caso in cui ci sia un incendio nella sala turbine non c’è nemmeno la possibilità di spegnerlo o mitigare le conseguenze di questo incendio, perché i vigili del fuoco non possono entrare, perché qualsiasi ingresso è bloccato dai camion, che sono appena stipati lì”, ha detto.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli