lunedì, Febbraio 26, 2024

Emergenza energetica, la Ue promette di arrivare ad una soluzione al più presto sul prezzo del gas

Sul gas ancora non è stato trovato un accordo di massima in Unione europea, ma la Commissione Ue promette di arrivare presto a una soluzione. Lo ha annunciato la presidente Ursula von der Leyen. “Buona discussione sull’energia con i membri del Collegio. Sono stati compiuti buoni progressi nell’attuazione della tabella di marcia per affrontare i prezzi elevati dell’energia presentata ai leader al vertice informale di Praga. Approveremo un altro pacchetto di proposte legislative alla prossima riunione del Collegio, martedì”, ha affermato. Nella bozza della proposta legislativa, la presidente della Commissione Ue dovrebbe inserire tra le misure un price cap al gas nella borsa di Amsterdam per combattere la speculazione. Ma per un periodo di non oltre 90 giorni. Sul tema, gli Stati membri continuano a essere divisi. Chi spinge per un tetto fisso al prezzo e chi mostra la sua contrarietà come Germania. Per il momento continua a prevalere la linea tedesca.

La road map

La proposta della Commissione finirà direttamente sul tavolo dei 27 leader europei riuniti il 20 e 21 ottobre per il Consiglio. Il 25 ottobre poi il Consiglio Affari Energia tornerà però a esprimersi sulla proposta legislativa, che potrà avere luce verde solo a novembre, quando la presidenza ceca convocherà un nuova riunione straordinaria dei ministri dell’Energia.

Rafforzare gli acquisti comuni

l pacchetto a cui sta lavorando l’esecutivo Ue dovrebbe contenere un rafforzamento della piattaforma di acquisti comuni, a cui anche l’industria sarà invitata a prendere parte nonché un intervento per arginare l’eccessiva volatilità del Ttf, che la stessa von der Leyen ha definito “costruito per altre esigenze”.
I “circuit breakers”
Un meccanismo possibile, citato anche in un non paper siglato da Olanda e Germania, potrebbe essere quella dei “circuit breakers”, interruttori automatici che scattano se i prezzi superano un certo limite.

Il risparmio dei consumi

L’altro aspetto è quello dei risparmi dei consumi (del 15%) previsti in ogni Paese membro. Per ora sono volontari e giusto sabato sono arrivati dagli Stati i dati sui risultati. Se l’approccio ‘leggero’ ha portato i suoi frutti bene. Altrimenti si valuterà se calcare di più la mano.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli