venerdì, Aprile 19, 2024

Busto Arsizio (Milano): una dipendente ha manomesso per un anno i parcometri del comune sottraendo quasi centomila euro al comune

Ha manomesso per un anno i parcometri del comune sottraendo, nel tempo, quasi centomila euro al comune. È quanto accaduto in provincia di Varese, dove la dipendente addetta al settore parcheggi della Agesp s.r.l, municipalizzata di Busto Arsizio, è riuscita a modificare il funzionamento delle macchinette dei parcheggi sottraendo buona parte delle somme versate dagli automobilisti. Un danno da 95mila euro che la donna ha usato, stando ai controlli effettuati dalla Guardia di Finanza, per trattamenti estetici di oltre 5mila euro, iscrizioni a villaggi fitness da 3mila euro, telefoni cellulari di lusso e altro ancora. Nei confronti della cinquantenne è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per peculato. Con un semplice tastierino elettronico acquistato online dall’estero, la donna era riuscita a modificare i plafond massimi preimpostati dei parcometri (da 30 a 200 euro) senza che segnalassero alcuna manomissione. Con cadenza quasi giornaliera – come documentato da pedinamenti e intercettazioni – l’addetta si intascava decine di euro in monete. Solo grazie a pedinamenti e intercettazioni ambientali le forze dell’ordine sono riuscite a dimostrare come l’addetta al settore parcheggi aveva manomesso tutti i 38 parcometri nel territorio del comune dal novembre 2021 a settembre 2022. Il generale Crescenzo Sciaraffa, comandante provinciale di Varese, ha sottolineato l’importanza del “contrasto alle gravi forme di reato contro la Pubblica Amministrazione, che sottraggono alla collettività risorse pubbliche, incidendo pesantemente anche sulla qualità dei servizi forniti ai cittadini.”
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli