test
sabato, Giugno 15, 2024

La Capitale da oltre un mese ancora attende l’arrivo del nuovo Prefetto

34 giorni senza il prefetto di Roma. I più fiduciosi speravano che la nomina potesse arrivare nel pomeriggio durante il Consiglio dei Ministri e invece nulla di fatto. Si dovrà ancora attendere. Il posto a Palazzo Valentini è vacante da quando, il 9 marzo scorso, Bruno Frattasi ha lasciato l’incarico per ricoprire il ruolo di direttore dell’agenzia per la cybersicurezza nazionale. Nella Capitale il tema sicurezza è prioritario. Gli spari in strada con diversi omicidi, i timori per il ritorno della partita di Europa League tra Roma e Feyenoord. Per la sfida di giovedì 20 aprile il settore ospiti dello stadio Olimpico è stato chiuso e deciso il divieto di vendita dei biglietti per i residenti in Olanda. Un provvedimento voluto dalla viceprefetta vicaria, Raffaela Moscarella. Misure adottate come deterrente perchè all’interno dell’Unione Europea ci si può muovere senza limitazioni. Ultras olandesi potrebbero arrivare comunque nella capitale e il rischio è quello che possano ripetersi scene di guerriglia come successo a Napoli con i supporter tedeschi. Del resto i precedenti tra le tifoserie rivali di Roma e Feyenoord non mancano: gli scontri a Tirana nella finale di Conference dell’anno scorso; più indietro, nel 2015, la devastazione del centro della capitale con il danneggiamento della fontana della Barcaccia. “Il prefetto ha un ruolo centrale nella gestione della sicurezza prima e dopo le partite di calcio. Non averne uno a cui fare riferimento per il questore e per il sindaco è illogico e inopportuno” ha detto l’ex prefetto di Roma Achille Serra. Parole che risuonano come un allarme.  

Articoli correlati

Ultimi articoli