CORECOCO: AGLI ENTI REGIONALI SCATTA LA FOTO