Nuoro, operativo il nuovo ospedale Covid in piazza San Francesco

L'ospedale Covid a Nuoro
A oltre un mese dall’allestimento nel piazzale del San Francesco di Nuoro, l’ospedale da campo della Croce Rossa è finalmente operativo con una capienza massima di 20 posti letto Covid. Nel pomeriggio il trasferimento dei primi tre pazienti. La struttura supporterà l’attività dei reparti del San Francesco già riservati alle cure dei positivi: due terapie intensive e due di degenza ordinaria, più i malati ricoverati al Pronto soccorso. Nell’ospedale da campo presteranno servizio 5 ufficiali e 6 sottufficiali medici dell’Esercito, 6 infermieri e 4 opertaori socio sdanitari della Assl di Nuoro. Si rafforza quindi l’assistenza e si dà ossigeno a medici, infermieri e operatori socio sanitari impegnati nella lotta alla pandemia in un territorio che ha il più alto numero di positivi in rapporto alla popolazione.
“L’ospedale da campo è una articolazione dei reparti che curano i pazienti Covid, volta a garantire un maggior numero di posti letto e assistenza diversa a seconda dello stadio della malattia – spiega la direttrice della Assl Grazia Cattina – I pazienti che saranno ricoverati arrivano dalla degenza ordinaria a basso livello assistenziale. E’ una organizzazione complessa – ammette la dirigente – ed è prevista una valutazione attenta per definire i bisogni dei pazienti e quindi il setting più appropriato tra quelli che attualmente il San Francesco può assicurare”. Tante le polemiche nei giorni scorsi e persino un esposto presentato in Procura dal sindacato degli infermieri Nursind per il grande numero di ambulanze in sosta per ore ma anche per giorni davanti al Pronto soccorso. “Da oltre 10 giorni siamo usciti da questa emergenza – sottolinea Cattina – abbiamo attuato interventi efficaci con l’aumento dei posti letto di degenza ordinaria e terapia intensiva e con la riduzione dei giorni di permanenza dei pazienti in Pronto soccorso. Stiamo proseguendo a rimodulare l’offerta per la degenza dei malati Covid in relazione all’evolversi dell’andamento epidemiologico, fermo restando – chiarisce la direttrice della Assl – che dobbiamo continuare ad assicurare assistenza anche ai pazienti no Covid”.