ARDEA, CASO CALIFANO: L’AMMINISTRAZIONE RUTULA PRECISA